OPTOX e alimentazione: un occhio al mondo

Nonostante i nostri progressi e la nostra continua evoluzione, la fame continua ad essere un problema di interesse mondiale. Secondo l’Organizzazione Mondiale per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite, il numero delle persone affette da denutrizione è in continuo aumento. Nell’anno 2000 tutte le Nazioni del mondo, nel quadro delle Nazioni Unite, si sono impegnate a ridurre la povertà del 50% entro il 2015, purtroppo i dati attuali mostrano una concreta difficoltà visto che la fame nel mondo, soprattutto in alcuni paesi africani, tende ad aumentare. Le motivazioni sono molteplici, l’equilibrio fra la produzione di alimenti ed il loro consumo rappresenta una delle ragioni, unitamente alle guerre ed alle condizioni climatiche che, in alcune zone, sono causa di carestia. “Nutrire il pianeta” è l’argomento scelto dall’Expo 2015 di Milano, scelta che mira a trattare le tecnologie, l’innovazione e tutto quanto possa essere legato al settore dell’alimentazione e del cibo, focalizzandosi sul diritto ad un’alimentazione sana e sicura per tutti i paesi del nostro Pianeta.

L’occhio e l’alimentazione
Da anni anche il settore ottico si occupa con impegno dell’integrazione alimentare a supporto della vista. I nostri occhi, come il nostro fisico, necessitano di una corretta alimentazione per consentire una corretta visione e per prevenire le patologie oculari da denutrizione. La malnutrizione, che in alcuni paesi è strettamente collegata alle condizioni socio economiche del popolo, a livello oculare può causare problematiche sia in maniera diretta, come cecità notturna e secchezza oculare causate della ridotta assunzione di minerali, vitamine e calorie; sia instaurando patologie generali con implicazione oculare, come ad esempio gli edemi palpebrali persistenti nelle nefropatie causate da ritenzione idrica, oppure i danni retinici nei bambini affetti da rachitismo. Una corretta alimentazione agevola lo sviluppo visivo e ne consente performance migliori. La tipologia di alimentazione o di integrazione alimentare dovrà essere mirata in funzione alle patologie oculari esistenti o in via di comparsa, in modo da agevolarne la cura.

Optox, società leader di mercato nel settore ottico, che si occupa di benessere degli occhi, da anni studia le soluzioni per una corretta integrazione alimentare a supporto del sistema oculare. Optox propone OPTOdrase®, in grado di fornire il corretto apporto energetico e salino, indispensabile al nostro apparato visivo, per far fronte alle situazioni di astenopia accomodativa ed affaticamento visivo, problematiche molto frequenti soprattutto negli studenti e nei videoterminalisti. Il magnesio ed il potassio contenuti nelle bustine di OPTOdrase® rappresentano elementi essenziali per la salute e l’equilibrio del nostro organismo, al suo interno partecipano a numerosi processi biochimici ed in particolare sono coinvolti nel metabolismo muscolare, anche a livello oculare. La carnitina è un cofattore enzimatico definito “trita-grassi”, aiuta il consumo e l’eliminazione dei grassi nel corpo producendo bioenergia, riducendo la sensazione di stanchezza e debolezza generale. La luteina, che rende OPTOdrase® un integratore specifico per gli occhi, con la sua spiccata attività antiossidante ed antiradicalica aiuta a mantenere l’integrità funzionale della retina e del cristallino, proteggendoli dalla degenerazione causata sia dalla luce solare che dall’invecchiamento. Possiamo definire quindi la luteina e di conseguenza OPTOdrase®, un integratore “a protezione degli occhi”.
I grassi

In natura esistono differenti tipi di grassi, gli Omega 3 sono acidi grassi essenziali perché l’organismo non è in grado di produrli, il loro apporto nella dieta è fondamentale e quando gli alimenti non sono sufficienti a coprire il normale fabbisogno è necessario ricorrere agli integratori alimentari. Pochi sanno che gli Omega 3 sono in grado di portare dei benefici al sistema visivo, perché contribuiscono a conservare l’integrità della struttura retinica e sono sostanze in grado di giocare un ruolo importante nella conservazione della visione, grazie al loro positivo influsso sui processi biochimici della foto-trasduzione. Recenti studi hanno anche evidenziato che un aumentato apporto con la dieta di acidi grassi Omega 3 è associato ad un diminuito rischio di insorgenza di Degenerazione Maculare e che l’associazione Omega 3-Luteina-Antiossidanti, come coadiuvante nella prevenzione delle patologie retiniche, è razionale. OPTOmega3®, che contiene acidi grassi Omega 3, Luteina, Zeaxantina e sostanze antiossidanti, può risultare di estrema utilità nella protezione della retina contro l’invecchiamento e la luce solare, contribuendo a soddisfare il fabbisogno raccomandato dagli esperti, senza dover necessariamente cambiare le abitudini alimentari o aggiungere apporti calorici alla dieta. La carenza di acqua e la disidratazione causa importante carenza del film lacrimale, predisponendo all’infiammazione della congiuntiva e della cornea. La sintomatologia è sicuramente secondaria alla gravità di carenza del film lacrimale e potrà manifestarsi come forme di congiuntivite, fino ad arrivare a gravi ulcere corneali, che possono esitare in cicatrici a causa delle quali la cornea potrà perdere la trasparenza, riducendo la funzionalità visiva. Anche in caso di secchezza oculare, l’apporto di acidi grassi Omega 3 contenuti in OPTOmega3®, risulta essere importante, poiché essi migliorano la secrezione delle ghiandole di meibomio e contribuiscono a ridurre l’infiammazione a livello della congiuntiva bulbare e tarsale, aiutando a combattere la secchezza oculare dall’interno dell’organismo. La denutrizione e le patologie oculari sono decisamente e sfortunatamente correlate. Il progetto di “Nutrire il mondo” non può esimersi dal prendere in considerazione quelle patologie oculari, che nei paesi poveri sono ancora oggi causa di discomfort visivo o di cecità.

Edoardo Ligabue  – Cristina Giordano

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn